• Italiano

1 Aprile 2021

#LogisticsEverywhere

#LogisticsEverywhere

La cultura e il divertimento sono comunque parte delle nostre vite, anche se in questo momento difficile possiamo accontentarci solo di un libro o un videogioco, nella speranza che presto potremo tornare anche nelle sale cinematografiche e ai concerti.

Oggi vi presentiamo la nostra nuova rubrica #logisticseverywhere. Vi mostreremo come diversi ambiti trattano il tema della logistica: dai videogiochi alla letteratura, dalla musica al teatro.

I videogiochi e la logistica

Iniziamo questa nuova rubrica con i videogame: lo sapevi che esistono numerosi giochi che hanno alcune dinamiche molto simili a quelle presenti nella logistica?

Il personaggio principale deve compiere delle missioni e queste spesso consistono nel portare un oggetto da un punto iniziale a una destinazione finale.

In Animal Crossing Wild World è possibile inviare oppure ricevere dei colli, i quali vengono spediti e gestiti da un corriere apposito. Basta recarsi dal personaggio che si occupa di questo lavoro, selezionare l’oggetto da spedire e il gioco è fatto.

In Death Stranding è possibile compiere delle missioni chiamate “ordine“, nelle quali bisogna trasportare un oggetto da un punto iniziale a un destinatario finale, il tutto deve avvenire in un determinato tempo prestabilito. Nel gioco è possibile anche vedere le informazioni riguardanti il pacco: peso, condizioni e volume.

In GTA V, grazie a un’estensione, è possibile trasformare il proprio personaggio in un corriere di Bartolini ed effettuare consegne in divisa e camioncino rossi.

La logistica può essere anche divertente attraverso i videogiochi!

La storia della logistica

Le origini della logistica affondano nella storia antica e nelle campagne militari. In un’epoca dove il mercato globale e i grandi scambi commerciali sono diventati essenziali, l’evoluzione tecnica dei trasporti è in continuo sviluppo e per tale motivo vale la pena analizzarla e studiarla. Molto in breve, vi daremo un panorama della storia, dell’evoluzione e dell’origine della logistica.

La necessità di trasportare merci nacque intorno al 9° millennio a.C., quando agricoltura e allevamento diventarono attività dominanti. Successivamente, con la nascita dei primi agglomerati urbani diventò necessario trasportare persone oltre che spostare il materiale edilizio verso le città.

Ma chi istituì per la prima volta il concetto fu Giulio Cesare. Inserì la figura del logista tra gli ufficiali in servizio nelle sue legioni, in qualità di responsabile degli approvvigionamenti.

Inizialmente c’era una preferenza riservata per il materiale pesante ai trasporti per nave. Per questo motivo tutte le città dell’area mediorientale sorsero lungo i corsi dei fiumi o sul mare.

Nel 19° secolo l’invenzione della macchina a vapore influenzò un po’ alla volta anche il trasporto navale: tuttavia il definitivo abbandono delle vele arrivò solamente con i motori diesel. Questo tipo di motore fu poi applicato a veicoli come auto e treni.

Oggi abbiamo a disposizione una serie di veicoli moderni, con i quali si vuole puntare anche sulla sostenibilità e riduzione degli sprechi. Fatto sta che con l’evoluzione dei trasporti si vuole puntare alla velocità.

I giocattoli e la logistica

Oggi con la nostra rubrica #logisticaeverywhere parliamo di giocattoli: fin da quando siamo piccoli veniamo a contatto con innumerevoli giochi che ci permettono di conoscere ed entrare a far parte anche del mondo del lavoro.

Essendo il gioco uno strumento per conoscere e imparare a sperimentare la realtà, è necessario dare a tutti i piccolini la possibilità di esplorare senza esser obbligati ad aderire ad un unico modello rigido.

In particolar modo le aziende che si sono avvicinate a questo mondo sono:

  • Lego, azienda leader delle costruzioni, è stata in grado di realizzare dei veri e propri set da comporre ispirati al mondo della logistica per dare modo ai bambini di sperimentare e conoscere tale modo. Con i famosi mattoncini colorati, i bambini potranno creare il proprio magazzino logistico e immaginare di gestire i vari ordini organizzando le consegne con i camioncini e corrieri da far sfrecciare sul pavimento di casa.
  • Bruder, azienda di giocattoli tedesca, ha realizzato modelli di furgoni, jeep, trasporto animali, betoniere e in particolar modo repliche di camioncini per le consegne, tra i più conosciuti i mezzi del corriere DHL e UPS. L’azienda ha infatti messo a disposizione la possibilità di acquistare innumerevoli accessori che permettono di caricare e stoccare, come nella realtà, dei piccoli pallet con l’aiuto di un mini transpallet, contenitori e scaffalature per rendere il modo della logistica un modo tutto da scoprire.

Lo sapevi che esistono dei giochi ispirati alla logistica che danno appunto la possibilità ai bambini di conoscere ed esplorate tale modo?

Video presi dai canali YouTube:

-TTPM Toy Reviews

-BruderSpielwaren

Il cinema e la logistica

Molti sono i film con una durata molto lunga nella storia del cinema, tra questi ricordiamo Apocalypse Now, Barry Lyndon e Via con il vento. Nessuno di questi però dura quanto il progetto “Logistics”: il film più lungo della storia del cinema.

Il film è di origine svedese, è stato diretto nel 2012 da Erika Magnussen e Daniel Andersson, che conta una durata di ben 857 ore!

I due registi si erano chiesti da dove venissero gli apparecchi elettronici prodotti. così hanno deciso si seguire il viaggio al contrario di un pedometro, da Stoccolma alla Cina. Il film è stato girato in tempo reale e ha seguito il viaggio dell’oggetto dal negozio di Sroccolma, passando per Rotterdam, Malaga fino ad arrivare alla destinazione finale: Shenzhen.

Questo film mostra il viaggio che compiono le merci che partono da oltre oceano: un viaggio molto lungo e con molte fasi da seguire.

https://youtu.be/F37Oe1tSgpw

Musica e logistica

Lo sapevi che esiste un genere musicale creato appositamente per i camionisti?

Si tratta della Country Truck Music, è un genere che mischia le note del rock e del country creando delle ballate che narrano delle storie di camion e camionisti.

Questa categoria di lavoratori necessita di essere supportata, in quanto rappresenta una parte della logistica fondamentale, ma spesso sono soggetti a livelli di stress molto alti dovuti ai lunghi viaggi che trascorrono completamente da soli.

Per questo motivo, la musica li accompagna per tutto il viaggio e le stazioni radio creano apposta delle playlist dedicate per loro per non lasciarli da soli durante le lunghe percorrenze.